This post is also available in: English

2 min lettura - read

Eva dorme è ciò che risponde sua madre al postino incaricato di recapitarle un pacco mentre ancora non sappiamo nulla di lei.

Eva dorme è un titolo che mi ha fatto immaginare tutt’altro.

Eva dorme alla fine del libro, ma, arrivata a quel punto, io mi sono commossa perché il sonno ha rappresentato una restituzione.

E mi sono commossa perché ci sono legami che possano avere la durata di un frammento ma la forza indissolubile di qualcosa che niente e nessuno può spezzare.

Questa lettura, ancora una volta della serie “i libri di Monica” che non finirò mai di ringraziare, è stata una sorpresa lenta, proprio come quando nella vita accade qualcosa che ormai non ti aspettavi più.

E sono forse le cose non accadute quelle che ho apprezzato, quelle che in fondo corrispondono al vero esattamente per la loro assenza.

Curiosamente ho fatto un altro viaggio in treno questa volta dall’estremo nord dell’Alto Adige fino al faro rosso e bianco di Villa San Giovanni.

Guardando dal finestrino scorrono alternatamente immagini del paesaggio e storia.

La storia dell’Italia dal 1919 al 1992.

La storia dell’Italia vista da un punto di osservazione ben preciso, alto, dalla terra verticale.

Ma soprattutto la storia di quell’area che i più distratti, come me finora, chiamano Sud Tirolo.

Francesca Melandri nel suo libro edito da Bompiani ripercorre le vicende della provincia autonoma di Bolzano, ricostruendo una cronistoria che io non avevo mai considerato così nel dettaglio.

Il bene e il male, gli animi e gli ideali, la strategia e la malasorte, l’intolleranza e la compassione si mescolano all’interno di stati, popoli, famiglie, volti.

Non bisognerebbe mai scordare di provare a mettersi nei panni degli altri.

Farsi domande. Sempre.

A proposito di domande, ce n’è una in particolare che viene posta di continuo a Eva “ti senti più italiana o più tedesca?”

La sua risposta arriva proprio sul treno, è poliedrica e non potrebbe essere altrimenti, considerando tutti gli aspetti.

Tu pensi mai a quanta parte di te è l’espressione delle tue radici?

16
0
Would love your thoughts, would you add your comment? Thanks.x
()
x

Pin It on Pinterest

Share This