Questo articolo è disponibile anche in: English

2 min lettura - read

 

Davvero possiamo arrivare ad accettare l’idea di figli virtuali?

Ti avevo già parlato del telegiornalista virtuale andato in onda per 70 giorni senza che nessuno se ne accorgesse.

Ma arrivare a parlare di figli virtuali è ben oltre.

Figli virtuali o addirittura figli tamagotchi, questa è la definizione diventata virale dopo la pubblicazione del libro di Catriona Campbell che però io non ho letto. Tu?

Intelligenza artificiale e Metaverso, due concetti che stanno entrando progressivamente nelle nostre vite.

È di questi giorni, ad esempio, la notizia della prima laurea nel Metaverso, sebbene il termine Metaverso sia stato coniato trenta anni fa: nel 1992, nel libro Snow Crash scritto da Neal Stephenson

Suo il progetto Lamina1: una blockchain di livello 1 creata appositamente per potenziare il Metaverso aperto, in collaborazione con Peter Vessenes, considerato un pioniere delle criptovalute per aver fondato la prima società Bitcoin.

Lamina1 dunque si prospetta come il livello di base per l’Open Metaverse, un luogo che privilegia i creatori, tecnici e artistici, che fornisce supporto, tecnologia di calcolo spaziale e una comunità per supportare coloro che stanno costruendo il Metaverso.

Tu hai già pensato a come potrebbe essere il tuo avatar?

Avere un alter ego rimane comunque ben diverso dall’avere un bambino virtuale, eppure queste immagini mostrano quanto la linea di confine sia già stata superata.

Un anno fa ti parlavo di Gaia X e ora siamo arrivati a Baby X 

interagire con il computer come se si interagisse con una persona tu ti senti a tuo agio con questo concetto?

26
0
Would love your thoughts, would you add your comment? Thanks.x

Pin It on Pinterest

Share This